NEWS LETTER

giovedì 3 maggio 2018

L'ALCHIMIA DEL SENTIMENTO - L'OTTAVA SUPERIORE

Immagina un chitarrista che sta provando l'accordatura della sua nuova chitarra, e che concentrandosi esclusivamente su di essa inizia a suonare delle note. Parte dal "La", e nella sua ricerca del suono più consono al suo orecchio procede seguendo la scala progressiva delle note.

La-Si-Do-Re-Mi-Fa-Sol- e infine arriva ancora una volta alla nota di partenza, ma questa volta di un tono più alta, squillante ed evoluta.
La chitarra è la personalità, le corde i suoi pensieri. Il musicista è L'Essenza, e il tocco con le quali vengono pizzicate le corde è il sentimento.

Il senso di questa metafora racchiude il segreto della trasformazione della personalità, il passare ad una tonalità nuova e squillante. Con la nostra forza di Volontà, che è una qualità dell’Essenza e non della personalità, possiamo alterare i nostri sentimenti ed emozioni in qualcosa di più nobile e raffinato. 

La rabbia appunto può essere trasformata in Volontà, l'insicurezza in coraggio, la smielateria della favola romantica in compassione, l'odio che porta a dominare e sottomettere in amore incondizionato, il disagio che ci fa nascondere dietro ad un dito in capacità di libera e consapevole espressione di Sé.
Si, praticamente possiamo fare miracoli nel nostro mondo interiore, e se impariamo a gestire i sentimenti ed elevarli possiamo farli anche fuori.

Questa è una ricerca costante che apprendiamo a gestire giorno dopo giorno, sforzo dopo sforzo. La trasmutazione dei propri sentimenti ed emozioni sarà il nostro pass-partout per le dimensioni di una Coscienza Superiori. Questo ci aiuta a lasciare la vecchia immagine di sé, quella che soffre e prende tutto in maniera personale, per indossare una nuova veste pulita ed impersonale.
Se possiamo gestire i nostri sentimenti diveniamo intoccabili dall'esterno, la lotta per la reputazione cessa di esistere e noi iniziamo veramente ad amare noi stessi e gli altri.

Il sentimento è uno strumento del sentire, più riusciamo a raffinarlo e più prendiamo le distanze dal mondo della paura e della sofferenza, avvicinandoci alla Verità e alla Libertà.

Matteo Bianciardi