NEWS LETTER

martedì 7 febbraio 2017

IN VIAGGIO VERSO I MISTERI DELLA VITA

Pubblichiamo questo post sul blog perché, anche se è uno scritto molto personale del ricercatore Andrea Panatta, racchiude in sé il grande Dono a cui si accede osando, andando oltre, uscendo dalla zona di confort alla ricerca della Verità...percorrere la strada verso l'Ignoto può sembrare un'impresa per pochi coraggiosi, e forse lo è...ma la vera comprensione e il vero nutrimento arrivano proprio quando abbandoniamo ogni certezza, ogni credenza e umilmente ci poniamo in Viaggio verso i Misteri della Vita.

I momenti in cui sono cresciuto di più sono stati quelli in cui ho dovuto tagliare i ponti con tutto ciò che era sicuro, comodo e conosciuto. Ci sono stati giorni in cui ho fatto le valigie e sono partito non avendo la minima idea di dove sarei andato. 
Ho avuto paura ovviamente. 
Ma adesso ringrazio quei giorni con tutto il cuore. E’ esattamente in quei momenti infatti, quando non hai più nessuno a sostenerti (in tutti i sensi, economico, emotivo, fisico) che sei costretto a fare affidamento su quel qualcosa che non si vede ma che sai esserci, ed è solo così, rinunciando ad aggrapparti a qualsiasi altra cosa, che lo fai agire per te. 

In quei periodi nei quali hai deciso di percorrere la tua di strada, e non quella che qualcun’altro o una genealogia avevano tracciato per te, hai a che fare con quel senso di scomodità, di carenza, di paura di non farcela che, a mio parere sono delle miracolose medicine per la piccolezza e per la mancanza di scopo nella vita, perchè ti costringono a costruire la fede. E’ la paura di stare in esilio, lontani da amici, famiglia, ruoli comodità e sicurezze che ci tiene fermi nel sentiero della nostra grandezza. E’ la paura che il nostro piccolo ‘io’ cui tanto teniamo, vada in frantumi se decidiamo di partire davvero e di farlo da soli, è il suo panico di fronte alle destinazioni ignote a tenerci incollati nella solita vecchia melma di sempre. 

Tuttavia quel piccolo ‘io’ che proteggiamo, è esattamente il motivo per cui non siamo e non possiamo essere i veicoli del nostro Sè. Quel piccolo, misero io, sostenuto da tutti i contratti cui ci siamo vincolati, accampa sempre mille e una scuse al fatto che, a volte, un esilio forzato è l’unica soluzione. 

Ma, mi pare che è solo così che si può crescere, facendocela da soli, trovando nella solitudine una forza e una ispirazione, che chi resta sempre al sicuro senza rischiare mai non può e non potrà mai conoscere.

Fonte: Andrea Panatta

Nessun commento:

Posta un commento