NEWS LETTER

martedì 1 marzo 2016

LASCIARSI ANDARE

Di cosa è fatta la nostra Vita quotidiana?
Cosa accade in quelle ore che divengono giorni, settimane, anni...
Troppo spesso le nostre gesta, parole ed emozioni sono prive di Consapevolezza, di Presenza, di Autenticità. E' come se qualcun'altro decidesse al posto nostro cosa dobbiamo dire, fare o pensare. Qualcosa che ci fa comportare in maniera meccanica ed abitudinale, quasi prevedibile.
Ma cosa dimora al nostro interno che ci fa divenire ripetitivi e scontati?
Le credenze!
Tutta quella serie di file che sono stati istallati dentro di noi dall'infanzia fino ad oggi. Tutte quelle assurdità a cui abbiamo dato il permesso di invadere la nostra intimità, divenendo l'idea che abbiamo di noi stessi. Si, perché la cosa più assurda di tutte è che noi crediamo di essere il riassunto di queste credenze. Ci identifichiamo totalmente con esse, perdendo di conseguenza il nostro potere personale, decisionale e creativo.
Del resto come potevamo evitarlo?
L'educazione familiare, gli insegnamenti scolastici e il contesto sociale dove siamo nati, sono soltanto alcuni esempi di “fonti” alle quali abbiamo dissetato la nostra sete di conoscenza. Conoscenza ancora dal sapore medievale, scritta nei secoli dalle religioni, le caste di potere, che hanno tramandato la storia (falsata) comunemente conosciuta, indottrinandoci valori e principi tutt'oggi accreditati dall'ambiente familiare, sentimentale e lavorativo.
Ma in realtà nessuno ha colpa di questa diffusione di "ignoranza collettiva". I nostri genitori, gli insegnanti e tutte quelle persone che hanno contribuito alla nostra educazione, se così si può chiamare, hanno dato del loro meglio, trasmettendoci quello che a loro volta gli è stato trasmesso. L'unico aspetto che possiamo criticare, è quello di aver accettato a pacchetto chiuso questo modello educativo, di non aver avuto energia a sufficienza per infrangere il muro di nebbia che rende tutto illusorio, evitando di mettere in discussione principi e valori dell'attuale società.
Ma questo possiamo farlo noi! ADESSO!
Possiamo munirci di Volontà e vedere cosa accade se per una volta andiamo a modificare un comportamento abituale che teniamo nei confronti del partner, di un familiare o anche semplicemente del panettiere di fiducia. Provare, per vedere cosa si muove al nostro interno nel momento stesso che sperimentiamo questo atto di sabotaggio ad un abitudine. Assaporiamone i movimenti emozionali, tutte le difficoltà che ne derivano, le resistenze che si innescano automaticamente, perché la nostra personalità teme di cambiare, di uscire fuori dal seminato.. Lasciamoci andare con Consapevolezza a questa esperienza, senza cercare di controllare la situazione evitando però di farci trascinare dalle emozioni. Caliamoci intensamente in questo momento, ma contemporaneamente Osserviamolo come se non fossimo noi a viverlo. Facciamolo con quel senso di curiosità tipico dei bambini, che osano per vedere cosa c'è oltre, pronti a stupirci e meravigliarci. Se ci apriamo a questa esperienza possiamo vedere qualcosa di noi che fino ad oggi è rimasto in silenzio, addormentato e imprigionato.
In questo “gioco” e necessario lasciarsi andare e non controllare.
Lasciarsi andare significa principalmente prendersi la Libertà di Essere, andare oltre il giudizio e le preoccupazioni della mente e far emergere la propria Unicità. Lasciarsi andare vuol dire far cadere tutte le maschere ed esprimersi veramente, donando lo Spazio al nostro Potere Creativo di manifestarsi. Lasciarsi andare è segno di coraggio, una presa di Coscienza indispensabile per affrontare le proprie paure ed ombre.
Lasciarsi andare è arrendersi a Sé stessi, abbandonare il timone del controllo, aprire gli occhi ed iniziare a vivere la Vita con Autenticità.

Provare per credere!

Nessun commento:

Posta un commento